Home

PRESENTAZIONE DEL LIBRO "GIRARGILLISSIMEVOLMENTEGIRAR" DEL MAESTRO CONCETTO TAMBURELLO

Nella serata di sabato 29 ottobre, in una Sala “Raffaele Mazzeo” gremita all’inverosimile, si è svolta la presentazione del libro intitolato “Girargillissimevolmentegirar”, ideato e curato dal Maestro Concetto Tamburello, artista noto ed apprezzato in tutto il mondo che non ha mai reciso il cordone ombelicale con il suo amato paese natale: Santo Stefano di Camastra. Con questa opera il Maestro Tamburello ha voluto rendere omaggio alla categoria dei tornianti ceramisti, da lui ribattezzati “girargilla”, troppo spesso ingiustamente bistrattata e quasi mai obiettivamente gratificata per quello che meriterebbe nel contesto sociale stefanese. Ha aperto la serata il nostro Presidente Santino Torcivia che ha dato il benvenuto ai presenti e ha sottolineato come per il sodalizio che ha l’onore di rappresentare sia emozionante e gratificante poter presentare una così importante opera editoriale, frutto di un grande lavoro di studio e di ricerca, su una categoria di operai che per la quasi totalità sono stati, sono o saranno nostri soci. Ha poi preso la parola il Prof. Alfredo Prado, Direttore dell’Accademia di Belle Arti “Michelangelo” di Agrigento, il quale ha tracciato un veloce profilo artistico-professionale del Maestro Tamburello e si è detto lieto ed orgoglioso di aver sponsorizzato un volume che, sia nella veste grafico-editoriale sia nei contenuti trattati, non può non essere definita «di pregio». È stato quindi il turno di Vittorio Alfieri, Dottore in Beni Culturali Archeologici, che in questa pubblicazione ha avuto l’onore di affiancare il Maestro Tamburello sotto una duplice veste, quella di Presidente dell’Associazione Culturale Rest@rt a.p.s., che ha ottenuto per questo libro dalla Regione Siciliana il patrocinio non oneroso e la concessione dell’apposizione del logo istituzionale, e come studioso che ha realizzato un excursus storico-archeologico sull’uso del disco da vasaio nell’Antichità che costituisce l’introduzione del libro. A conclusione ha preso la parola il deus ex machina di questo straordinario progetto editoriale, il Maestro Tamburello, che ha dispensato discorsi tecnici sulla difficile lavorazione al tornio, aneddoti storici su alcuni dei protagonisti ritratti sul libro conosciuti personalmente nella sua carriera scolastica presso la Scuola Ceramica prima e nel corso della sua carriera professionale in vari laboratori del “paese delle ceramiche” dopo, considerazioni socio-antropologiche sulla valenza di questa categoria nella nostra comunità e punzecchiature ad enti e ad aziende cittadine che «non hanno creduto e non hanno sostenuto questo progetto».

La serata è stata seguita con emozione con interesse da tantissime persone, soci e non, stefanesi e forestieri, anziani tornianti direttamente interessati e loro giovani eredi finora distanti da questo mondo, che fino alla fine hanno ascoltato i relatori e hanno guardato sul maxi-schermo la proiezione delle pagine che compongono il libro “Girargillissimevolmentegirar” su cui sono ritratti al lavoro ben 81 tornianti che hanno fatto, stanno continuando a fare e – ci auguriamo tutti – continueranno a fare anche nel futuro la storia di Santo Stefano di Camastra che da oggi, grazie a questa pubblicazione, ha una vetrina di tutto rispetto in tutto il mondo.

Al termine della kermesse culturale il Direttivo della Società Operaia ha avuto il piacere di offrire a tutti gli intervenuti un ricco e gradito buffet.